Poesia e Fotografia 128.

Quei muri

costruiti intorno

all’anima in frantumi.

Quelli da abbattere

a suon di baci,

di promesse.

Quelli a cui mi appoggio

che con venerazione

adesso

accarezzo.

– Muri portanti.

M

Avamposto fortificato. (2019)
J

Come sale su una ferita aperta eBook disponibile all’acquisto su amazon a questo link https://www.amazon.it/COME-SALE-UNA-FERITA-APERTA-ebook/dp/B086SDRYQN

GRATIS PER GLI ABBONATI A KINDLE UNLIMITED

Poesia e Fotografia 122.

Come vetro

sinuoso

trasparente.

Io clessidra

tu

invece

come sabbia

scivoli via

lasci il vuoto.

Misure di noi.

M

L’ho misurato coi miei passi, percorrendo mille miglia.
Ecco quanto è grande il vuoto che mi lasci. (2016)

J

Come sale su una ferita aperta è disponibile in versione eBook su amazon a questo indirizzo: https://www.amazon.it/COME-SALE-UNA-FERITA-APERTA-ebook/dp/B086SDRYQN

Gratis per gli abbonati a kindle unlimited

DOVE TROVARCI SUI SOCIAL

Come sale su una ferita aperta INSTAGRAM: https://instagram.com/comesalesuunaferitaaperta?igshid=nvssh1e6rovn

Jessica Martino INSTAGRAM: https://instagram.com/introducemyself?igshid=13jaf2b295fi

Marianna Pizzipaolo INSTAGRAM: https://instagram.com/marianna_pizzipaolo?igshid=1hjmdzr78loca

Poesia e Fotografia 99.

Non sono felice

ed è colpa mia.

No, non è mia

è colpa tua

solo tua.

O forse

la colpa non appartiene.

È solo un animale ferito

che ha trovato dimora

dentro me.

Ho un cuore accogliente.

M

GRATIS PER KINDLE UNLIMITED

Visual terza parte: La Fine

L’ultima parte di Come sale su una ferita aperta in video.

GRATIS PER KINDLE UNLIMITED

Come sale su una ferita aperta INSTAGRAM: https://instagram.com/comesalesuunaferitaaperta?igshid=1otrptccg4ove

Un po’ di noi.

Il 17 Luglio 2019, per il nostro rendez-vous avevo scelto Palazzo Venezia, nel cuore di Spaccanapoli, a pochi metri dalla Chiesa di Santa Chiara e da Piazza del Gesù nuovo.

Palazzo Venezia, Napoli

Un giro nella sua storia a respirarne l’antica cultura, un bicchiere di vino in quel giardino pensile e un brindisi: “A tutto quello che già c’è e a tutto quello che verrà”, ignare di cose, ma speranzose di tutto.

E poi a Ottobre 2019, fondiamo Oui Magazine; ad Aprile 2020 pubblichiamo la nostra raccolta di poesie e fotografie “Come sale su una ferita aperta”. E allora un nuovo cin, virtuale questa volta 🥂 : “a tutto quello che già c’è a tutto quello che verrà”, perché c’è ancora cammino da fare, idee da costruire, soddisfazioni da raccogliere.

Giardino pensile di Palazzo Venezia

E a voi, amici, queste siamo noi: Jessica & Marianna. (Questa foto la odiamo perché: “le nostre facce sembrano impastate con lievito madre”, ma quel giorno lo amiamo.)

Jessica & Marianna, 17 Luglio 2019

P.S. La foto delle radici l’ho scatta lí, quel giorno, ignara che sarebbe finita nella nostra raccolta ad accompagnare, a sostenere e a dare un volto alle tue parole.

Lei è: – Profondamente radicato in me, proprio come quel 17 Luglio.

Ci sono stati sorrisi capaci di arrivare
in luoghi inesplorati. Sorrisi
diventati semi, piante,
poi radici.
Ci sono stati sorrisi andati dove non dovevano. I tuoi. Impossibili da estirpare.

– Lezioni di giardinaggio.

M

Profondamente radicato in me. (17 Luglio 2019)

Jessica.

🐚❤️

GRATIS PER KINDLE UNLIMITED

Visual seconda parte: Il Limbo

Come sale su una ferita aperta seconda parte in video.

GRATIS PER KINDLE UNLIMITED

Visual prima parte: L’inizio

Come sale su una ferita aperta nasce come progetto di parole e immagini, poesie e fotografie, incasellate insieme, per accompagnarsi, sostenersi, arricchirsi.

In seguito, abbiamo pensato che potesse essere anche sonoro.

Questo video ne riassume la prima parte.

Seguite il nostro progetto anche su instagram: https://instagram.com/comesalesuunaferitaaperta?igshid=1ncpci5rjx80y

Poesia e Fotografia 84.

A volte
è come se le ossa tremassero
al ritmo del mio cuore quando pensa
alla mancanza che ha di te.

E io
vorrei soltanto
che le mie ossa tremassero

abbracciate a te.

– Tremare con te.

M

Dove sei? Ho paura. (2018)
J

Gratis per kindle unlimited

Instagram: https://instagram.com/comesalesuunaferitaaperta?igshid=1oty321qw5evu

Poesia e Fotografia 164

La paura
è quello che ho sentito
la prima volta che
ti ho visto.
Mi sono lasciata ingannare da Pavese
pensavo fosse già un po’ d’amore.
Invece
quella paura
altro non era che
istinto
di sopravvivenza.

Istinti.
M

Spine che ho dovuto tirar fuori per difendermi da te. (2018)
J

Recensione 6.

 Recensione a cura del blog ” Trasognoerealta98 ”

Leggere questa raccolta di poesie e di fotografie mi è piaciuto molto.
È stata come una boccata d’aria, come se un uragano mi portasse via, mi trascinasse con lui, lasciando dentro un gran vuoto.
Parla d’amore, rinascita, speranza, di un’amore fatto di bugie, di ferite che non si possono più riparare.
La raccolta è divisa in tre parti, ognuna delle quali fa provare emozioni diverse, la prima parte è stata la mia preferita, si percepisce che si tratta del primo periodo d’amore, delle prime carezze, dei primi sguardi.
La seconda parte è una via di mezzo, dove è la tristezza a farla da padrona, sono frasi tristi, malinconiche.
E infine l’ultima parte è la rassegnazione, visto che quell’amore è rotto ed è ricoperto di dolore e sofferenza.
Le foto sono molto belle, direi perfette, perché non solo sono molto significative, ma sembra che parlano raccontandoci qualcosa in più.
Trovo che sia una raccolta molto bella, una delle più emozionanti che abbia mai letto.
Assolutamente consigliato 4/5⭐